martedì 23 gennaio 2024

Una Settimana di Riconnessione con il Presente: L'Avventura di Rachele Senza Telefono

 



Una Settimana di Riconnessione con il Presente: L'Avventura di Rachele Senza Telefono

Cari lettori,

oggi desideriamo condividere con voi la storia di Rachele, la quale, a seguito dello smarrimento del suo cellulare, si è ritrovata a trascorrere una settimana intera lontana dal mondo della tecnologia.

Negli ultimi mesi, mio marito ed io abbiamo intrapreso la ricerca della nostra nuova casa. Inseguendo per la città con i nostri due bambini e la nostra paziente agente immobiliare, abbiamo sognato la nostra prossima avventura domestica. Fortunatamente, la nostra agente è anche una cara amica, e ci ha costantemente incoraggiato a dare priorità ai nostri bisogni nella scelta della nuova casa.

Tuttavia, durante questa ricerca di "qualcosa di nuovo", ho iniziato a vivere più nel mondo delle possibilità future che in quello attuale. Il mio telefono era un concentrato di app e notifiche che mi segnalavano le molte opzioni di attività disponibili. Come la mia ricerca di casa, il mio telefono era intriso di "ciò che potrebbe essere". Durante eventi familiari, il telefono continuava a suggerirmi altri eventi in corso tramite messaggi, calendari comunitari e promemoria vari. Poi è successo qualcosa di inaspettato: ho perso il telefono.

In quel momento, ho sperimentato un attacco di panico, convinta che avrei dovuto sostituire immediatamente il telefono. Ma il destino aveva altri piani. Il negozio era chiuso, e l'idea di aspettare 24 ore per ricevere un nuovo telefono, mi ha fatto prendere una decisione diversa. Ho chiesto all'uomo dell'assicurazione copriva i telefoni smarriti, e la risposta affermativa ha cambiato il corso degli eventi. Ho deciso di aspettare e ho lasciato il negozio senza un nuovo telefono.

È stata una settimana di trasformazione. Nonostante il telefono fosse stato spedito e consegnato il giorno successivo, l'ho tenuto in un armadio, in una scatola, senza collegarlo. Ho realizzato che nonostante avessimo pianificato la mia transizione da un lavoro a tempo pieno a una carriera di Life Coach, ero ancora profondamente "connessa" alle abitudini del mio passato. Questa perdita temporanea del telefono è diventata un'opportunità per riappropriarmi del presente.

Libera dalla schiavitù delle notifiche e delle app, mi sono sentita più presente che mai giocando con i miei figli.

Ciò che pensavo fosse un aiuto, in realtà mi stava allontanando dal momento attuale. Invece di esaltare il "ciò che potrebbe essere", ho iniziato a vivere il "ciò che è". Anche se tornerò presto a utilizzare il telefono, ho promesso a me stessa di lasciarlo nell'armadio molto più spesso.

Con gioia e riconnessione,

Rachele

#iostaccolaspina e tu? A presto!

Nessun commento:

Posta un commento

Posta un commento

L'apprendimento dei bambini dagli schermi

  Cari lettori, I bambini imparano sempre qualcosa dalle loro interazioni con il mondo, sia che queste esperienze siano digitali sia che avv...